English

germ_flag.gif (917 byte)
Deutsch


Sardu

russia-flag.gif (919 byte)
Russian

Il borgo fortunato
di Ignazio Lecca

 Questa pagina stata visitata [an error occurred while processing this directive]volte dal 15 giugno 1998 

Adagiato nel verde di una splendida conca, ai piedi dell'ampia fascia montana che dalle colline di Pauli Ara si piega ad arco con il monte Santa Barbara e, pi in fondo, con Monte Arrubiu, per chiudersi con la collina di Su Sinzuru verso Sa Birdiera, Poggio dei Pini richiama, in chi vi arriva, l'immVista del lagoagine di un borgo fortunato, lontano dalle periferie urbane degradate dai tentacoli della speculazione, che cingono d'assedio Cagliari e i suoi sobborghi.
Non il confuso ammasso di case, l'agglomerato di cemento armato frutto della caotica urbanizzazione postbellica; neppure la "lottizzazione" anonima, specchio e metafora di tanti tristi residenze suburbane.
Poggio dei Pini appare subito come un rifugio sereno da cui gli uomini hanno saputo tenere lontano il "fragore ossessivo e brutale di migliaia di motori e di congegni, la cui ridda frenetica non ha mai sosta", borgo "civile e umano, prodigioso antidoto contro il veleno che quel mal di metropoli, che logora e intristisce ogni giorno di pi la nostra generazione", secondo la felice definizione del compianto "socio" Marcello Serra.

Subito all'ingresso del Poggio, sulla destra salendo dalla strada statale 195, c' il vecchio nucleo della tenuta agricola che fu di Maria Saggiante. Nel corso del tempo ha ospitato la scuola, gli uffici della Cooperativa, la Chiesa, il bar ed il ristorante. E' questo il primo punto di riferimento, una vera stazione di sosta e di ristoro, luogo di appuntamenti, di pubblici incontri e di momenti celebrativi.
Da questo centro si irradia il "paese": oltre alle case, le scuole, il centro commerciale, la chiesa, gli uffici, le piscine, i campi da tennis, la palestra e le attrezzature sportive e, soprattutto, la natura che alla base della suggestione del Poggio.

Linea Poggio 1997-1998 - Responsabile: Giorgio Plazzotta
I contenuti appartengono ai rispettivi autori - Tutti i diritti riservati
The contents belong to the respective authors - All rights reserved